La famiglia, Chiesa domestica
In san Giovanni Paolo II e Benedetto XVI
07/05/2016 10:09  

Dopo il Concilio, particolarmente importante è stata l’esortazione apostolica Familiaris consortio di san Giovanni Paolo II: lo stesso Pontefice la definì una sintesi dell’insegnamento della Chiesa sulla vita, i compiti e le responsabilità del matrimonio e della famiglia nel mondo attuale. In questo documento il Papa riconduce il cuore dell’identità della famiglia e della sua vocazione alla «formazione di una comunità di persone», tramite un processo graduale in cui gli sposi sono chiamati a crescere continuamente attraverso la fedeltà quotidiana alla promessa matrimoniale del reciproco dono totale. La grazia di Gesù Cristo, ossia lo Spirito Santo, è per sua natura una «grazia di fraternità», il cui frutto è l’unione dei credenti con Cristo e tra di loro, nella comunione della Chiesa (cf. FC 19).

Dentro questa comunione, si comprende la natura e il senso della famiglia quale Chiesa domestica. Scrive Giovanni Paolo II: «Lo Spirito Santo, effuso nella celebrazione dei sacramenti, è la radice viva e l’alimento inesauribile della soprannaturale comunione che raccoglie e vincola i credenti con Cristo e tra loro nell’unità della Chiesa di Dio. Una rivelazione e attuazione specifica della comunione ecclesiale è costituita dalla famiglia cristiana, che anche per questo può e deve dirsi “Chiesa domestica”» (FC 21). La famiglia, pertanto, realizzando se stessa, ossia divenendo un’autentica comunità di persone unite in Dio, è rivelazione e attuazione specifica della comunità della Chiesa.

La famiglia come “Chiesa domestica” ritorna anche negli insegnamenti di Benedetto XVI, che così si esprimeva alla fine dell’incontro mondiale di Valencia del 2006:

«La famiglia è l’ambito privilegiato dove ogni persona impara a dare e ricevere amore. Essa si fonda su una profonda relazione interpersonale tra marito e moglie, sostenuta dall’affetto e dalla mutua comprensione […]. Possano i figli sperimentare più i momenti di armonia e di affetto dei genitori che non quelli di discordia o indifferenza, perchè l’amore tra il padre e la madre offre ai figli una grande sicurezza e insegna loro la bellezza dell’amore fedele e duraturo. La famiglia è un bene necessario per i popoli, un fondamento indispensabile per la società e un grande tesoro degli sposi durante tutta la loro vita. È un bene insostituibile per i figli che devono essere frutto dell’amore, della donazione totale e generosa dei genitori. Proclamare la verità integrale della famiglia, fondata nel matrimonio come Chiesa domestica e santuario di vita, è perciò una grande responsabilità».

di Rosario Vaccaro parte 2 di 3, tratta da un articolo del n. 4/2015 di Rivista Porziuncola






ARTICOLI CORRELATI


22/10/2017  15:00
La Pace nella riconciliazione con Dio e tra gli uomini
Discorso di San Giovanni Paolo II dalla Porziuncola

06/09/2017  09:46
Santi in qualunque situazione
Coraggio! Nulla è impossibile a Dio

28/08/2017  07:49
Junipero Serra
Apostolo della California

09/08/2017  09:59
Misericordia in terra e intercessione dal cielo
Ricordo di padre Fernando Conti

08/08/2017  09:35
Chiara, pianticella di Francesco
L’amicizia trasfigurata dalla Grazia

04/08/2017  17:29
Chiara, donna coraggiosa e ricca di fede
A lei tutta la Chiesa è debitrice