Rinnovamento, pulizia e abbellimento
Ma il cantiere più importante è nel confessionale
16/07/2016 22:05  

Nella Basilica papale di Santa Maria degli Angeli fervono i preparativi per la grande festa: per l’apertura del Perdono, come ogni anno nella mattinata del 1 agosto, ma ancor più per la solenne apertura dell’VIII Centenario dell’Indulgenza della Porziuncola, il giorno dopo, il 2 agosto, durante la solenne celebrazione eucaristica presieduta dal Card. di Perugia Gualtiero Bassetti.

Il primo “cantiere” lo si vede arrivando in Basilica, proprio davanti all’ingresso centrale, dove verrà installata stabilmente una rampa semicircolare che agevolerà l’accesso al Santuario riducendo, più di quanto non si sia già fatto, le barriere architettoniche. Una piccola ma importante innovazione strutturale per permettere a chiunque l’accesso alla perla preziosa custodita nel grande scrigno che è la Basilica: la Porziuncola, luogo da cui scaturisce la grazia dell’Indulgenza da otto secoli.

Ed è presso la chiesetta il secondo “cantiere” che incontrano i pellegrini: un ponteggio che sarà utilizzato per ripulire i tetti della Porziuncola, ma principalmente montato per rimuovere dalla facciata una leggera patina di sali che si sono depositati con il tempo e per l’umidità. Questa operazione restituirà al pregevole affresco di Friedrich Overbeck, raffigurante San Francesco genuflesso ai piedi di Gesù Cristo e della Vergine Maria mentre chiede e ottiene l’Indulgenza della Porziuncola, una rinnovata nitidezza ai colori.

Altri lavori sono in corso, anche se gran parte di essi si svolgono ancora lontano dagli occhi dei pellegrini: ad esempio si stanno preparando una serie di arazzi, su cui saranno riprodotte opere d’arte provenienti da tutta Italia e raffiguranti il momento della concessione del Perdono, che prenderanno posto sotto gli archi che dividono la navata centrale da quelle laterali.

C’è quindi aria di rinnovamento, di pulizia, di abbellimento … ma il “cantiere” che ci impegna di più si trova in ogni confessionale: è da anni operativo 7 giorni su 7 per offrire un servizio ulteriormente intensificato in questo Anno Santo straordinario della Misericordia. Circa 300 ore di ascolto delle confessioni vengono garantite ogni settimana dai penitenzieri della Basilica, iniziando ogni giorno alle 6.30 per proseguire – esclusa la pausa di mezzogiorno – fino alla chiusura serale.

Ed è lì, nel cuore di ogni uomo che riceve il perdono di Dio, che avviene il rinnovamento più profondo, una pulizia davvero salutare, un abbellimento che è prima esistenziale e poi magari anche estetico/relazionale. Ed è ancora lì, nel cuore del peccatore pentito che c’è la vera festa! Non solo ma, come garantito dal Signore Gesù, anche in tutto il Cielo: quella è la festa che da senso a quella che celebreremo a partire dal 2 agosto.

Attendiamo, perciò l’inizio del Giubileo del Perdono, attendiamo la Parola che il Signore che vorrà donarci attraverso i suoi ministri che presiederanno le diverse celebrazioni previste dal programma, attendiamo il Santo Padre che – come gli altri – si farà pellegrino alla Porziuncola, ma soprattutto attendiamo tutti coloro che il Signore da tempo muove a conversione, che attende come figli benedetti in attesa di dire loro, specialmente a quelli che si sentono o sono più lontani: “vivi del mio Perdono e non temere, perché dove ha abbondato il peccato ha sovrabbondato la Grazia”.






ARTICOLI CORRELATI


17/09/2017  10:11
Testimoni dell’immensamente bello
Professioni perpetue 2017 alla Porziuncola

03/08/2017  10:38
Parolin e Bassetti: il Perdono di Assisi, dono per i poveri
Chiusura del Giubileo della Porziuncola

02/08/2017  12:08
Infinita misericordia in una “piccola porzione”
Omelia del Card. Parolin alla Porziuncola

01/08/2017  23:59
L’Indulgenza: una festa della Misericordia
Dono per la guarigione dell’anima

01/08/2017  18:10
Apertura della festa del Perdono
Omelia del Ministro generale, p. Michael Perry OFM

29/07/2017  23:26
Testimoni del sovrabbondante amore di Dio
1^ Meditazione: p. Marco Tasca OFMConv