Dacci uno sguardo di Misericordia
2^ Meditazione: p. Stefan Kozuh OFMCapp
30/07/2017 23:03  

Il Triduo in preparazione del Perdono d’Assisi, giunge stasera al suo secondo giorno. Nella prima serata, accompagnati da p. Marco Tasca, Ministro Generale dei Frati Minori Conventuali, siamo stati invitati a contemplare la gratuità dell’iniziativa misericordiosa di Dio e il suo desiderio di riconciliare l’uomo a sè.

In questa seconda tappa, accompagnati dalla riflessione di P. Stefan Kozuh, Vicario generale OFM Capp, l’attenzione si è spostata a meditare alcuni tratti della misericordia e cosa significhi essere misericordiosi.

Prendendo spunto dall’Enciclica di Giovanni Paolo II “Dives in misericordia” e da alcuni discordi di Papa Francesco, sono stati tracciati i tratti caratteristici della misericordia.

Essa è – come ha ricordato P. Stefan facendo riferimento al brano degli Atti in cui è narrata la nascita della Chiesa – primariamente generativa, genera pentimento e crea una nuova fraternità, benedetta dallo Spirito con un numero sempre crescente di fratelli. La stessa Chiesa nata dalla misericordia – ha continuato – è chiamata, e noi con lei, ad essere missionari della misericordia.

Ancora, essa è l’unica alternativa della cultura dell’indifferenza e del dominio. Non è solo un valore, seppur importante, ma indica un movimento, lasciarsi toccare il cuore. La misericordia, davanti alla fragilità, accompagna, è movimento di reciprocità che salva chi lo mette in atto e chi lo riceve: cambia tutto, genera!

La domanda che siamo chiamati a porci – ha detto P. Stefan – è cosa significa per noi essere misericordiosi? Lo ha spiegato ricordando che Gesù lo spiega con due verbi: perdonare e donare.

La misericordia si esprime innanzi tutti nel perdono. Per avere rapporti fraterni, occorre sospendere i giudizi di condanna. Perché – si chiede – il cristiano deve perdonare? Perché è stato lui per primo perdonato, la misericordia dell’uomo è risposta a quella che Dio ha usato a lui. Condannare il peccatore spezza il legame di fraternità con lui e contraddice la misericordia di Dio

Il secondo pilastro è il dono: “date e vi sarà dato”. Nell’amore praticato si riverserà la misericordia di Dio, parafrasando l’Apostolo Giacomo – ha detto P. Stefan – senza l’amore, la misericordia è morta.

La riflessione si è conclusa con una domanda lasciata ai fedeli: Che cuore voglio avere? La sfida è tra un cuore di pietra indurito dalla rabbia e un cuore pieno d’amore. L’amore  – ha ricordato – è sempre rivoluzionario, inventa modi sempre nuovi per rispondere alle esigenze del momento. L’amore di Dio riversato nei nostri cuori, ha la capacità di leggere questa realtà viva!

Gesù ci esorta – ha concluso P. Stefan –  ad un esame di coscienza: siamo pronti ad andare incontro alle esigenze dei fratelli? La preghiera conclusiva è stata proprio un voler chiedere a Dio i suoi occhi, i suoi desideri, la sua volontà di bene.

Il Triduo si concluderà domani sera con la riflessione di P. Michael Perry, Ministro Generale dei Frati Minori.






ARTICOLI CORRELATI


17/09/2017  10:11
Testimoni dell’immensamente bello
Professioni perpetue 2017 alla Porziuncola

17/08/2017  15:50
Celebrazioni per l’VIII centenario Rinaldiano
San Rinaldo fu presente all’annuncio del Perdono di Assisi

04/08/2017  15:41
Amati e salvati, pronti per la marcia della vita
Conclusione della 37^ Marcia francescana

03/08/2017  10:38
Parolin e Bassetti: il Perdono di Assisi, dono per i poveri
Chiusura del Giubileo della Porziuncola

02/08/2017  19:56
1300 marciatori, un’unica meta: la Porziuncola!
Arrivo della 37^ Marcia francescana

02/08/2017  12:08
Infinita misericordia in una “piccola porzione”
Omelia del Card. Parolin alla Porziuncola